Paratie, la promessa  «Via i lavori sulla passeggiata»
Il cantiere del lungolago è bloccato dal 2012. I lavori, iniziati nel 2008, non sono arrivati nemmeno a un terzo

Paratie, la promessa

«Via i lavori sulla passeggiata»

La Regione: da domani sistemazione provvisoria

Como

La promessa di Regione Lombardia di avviare i lavori per la riapertura provvisoria della passeggiata parla di domani mattina come del giorno x per rivedere qualcuno sul cantiere. Va detto, si tratta di una sistemazione provvisoria in attesa poi della ripresa dei lavori - ma ci vorrà un anno circa - per la conclusione. Ma tutte le grate, dalle palizzate in legno alle recinzioni metalliche spariranno gradualmente. Sono in corso contatti tra Infrastrutture lombarde e il Comune di Como per le autorizzazioni e le procedure burocratiche.

I lavori partiranno dalla zona di Sant’Agostino, che verrà liberata dalle palancole ancora stoccate sul cantiere. Verrà riaperto tutto lo spazio tra il lungolago e l’inizio di viale Geno. Il primo passo sarà il rifacimento del porfido e, a seguire, la rimozione delle grate.

Via via il cantiere avanzerà verso piazza Cavour e, contestualmente alla sistemazione della pavimentazione e alla posa dei parapetti (verranno ricollocati quelli originali restaurati), verrà consentito ai cittadini l’utilizzo dei nuovi spazi. Sui cartelli affissi nei giorni scorsi con le indicazioni di massima sui lavori si stima la conclusione dell’intervento per il 30 giugno, ma non è escluso che si possa finire prima visto che la tempistica stimata inizialmente era stata indicata in sessanta giorni.

Il progetto di intervento comprende anche la riapertura della vecchia biglietteria della Navigazione che verrà trasformata in una terrazza sull’acqua con la possibilità di accesso anche per i disabili.

Due le zone che resteranno in ogni caso inaccessibili: la prima è la zona di fronte alla darsena dove ci sono alcune baracche di cantiere sotto sequestro e, la seconda, è il piccolo spazio tra i container che ospitano gli uffici della Navigazione e la zona dove sono attraccate le barche del Tasell.


© RIPRODUZIONE RISERVATA