Una messa per chi ha combattuto il virus
Il vescovo: «A tutti loro il nostro grazie»

Sabato 5 in Duomo l’eucarestia celebrata da monsignor Oscar Cantoni - Spata (Ordine dei medici): «Sarà anche un modo per stringersi ai familiari di chi è mancato»

Una messa per chi ha combattuto il virus Il vescovo: «A tutti loro il nostro grazie»
Il vescovo monsignor Oscar Cantoni in occasione della messa celebrata lo scorso Ferragosto in Duomo

Como

Sabato 5 settembre alle 18.30, si svolgerà in Duomo la messa celebrata dal vescovo monsignor Oscar Cantoni in ricordo dei sanitari che hanno perso la vita a causa del Covid-19; sarà anche una occasione di raccoglimento e di riconoscenza verso tutti coloro che si sono spesi con grande professionalità sul territorio e negli ospedali della diocesi.

«Medici, infermieri, farmacisti, veterinari, assistenti socio-sanitari, operatori delle pulizie, volontari e personale a qualunque titolo impegnato nel mondo della salute in questo tempo di pandemia hanno dato e continuano dare una grande testimonianza di sacrificio e attenzione ai fratelli e alle sorelle colpiti dalla malattia - dice il vescovo -. Sono stati accanto ai pazienti, diventando anche voce e mani dei familiari costretti all’isolamento. C’è chi è stato in prima linea nell’affrontare il nuovo coronavirus e chi ha continuato a fornire le cure necessarie a tutte le altre patologie che non si sono fermate per il lockdown. Celebrare insieme l’Eucaristia significa ritrovare un senso di comunità e umanità, per ringraziare, per pregare insieme alle proprie famiglie - che ugualmente vivono sentimenti di incertezza e paura -, per chiedere la forza di continuare a essere strumenti per il bene di tutti».

«La pandemia - aggiunge Gianluigi Spata, presidente dell’Ordine dei medici della provincia di Como - ha purtroppo lasciato segni indelebili nella memoria della popolazione, di tutti i sanitari e delle associazioni di volontariato che hanno affrontato con abnegazione, grande professionalità e senso del dovere una situazione così drammatica mettendo a rischio anche la propria incolumità. Per tale motivo l’Ordine di Como, insieme a Infermieri, Farmacisti, Veterinari e Croce Rossa, ha deciso di ricordare con una celebrazione eucaristica nella nostra Cattedrale chi non è più con noi. Sarà un momento di riflessione per quello che è stato e che si spera non sarà più e un modo semplice per essere vicino ai familiari dei colleghi, dei sanitari e di tutti i cittadini scomparsi. Un grazie sincero a tutti gli operatori sanitari e ai volontari che ogni giorno continuano la loro preziosa opera di assistenza».

Le offerte raccolte durante la santa messa andranno a sostegno del “Fondo diocesano di Solidarietà Famiglia-Lavoro 2020”, istituito in memoria di don Renato Lanzetti e di tutte le vittime del coronavirus.

Al termine della messa si terrà un breve ma intenso momento musicale eseguito dall’Orchestra da camera Franz Terraneo che ha condiviso con i Sanitari il bisogno di ricordare, ringraziare ed elaborare quanto vissuto i mesi passati. Verranno eseguiti brani de “Le Quattro Stagioni” di Antonio Vivaldi e l’Adagio (Konzert für Oboe violine Streicher und General Bass BWV 1060) di Johann Sebastian Bach. Al violino solista la affermata giovane comasca Emma Arizza.

Per ragioni di sicurezza anti Covid 19 il numero di presenze è limitato a 350 persone.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

{# #}