Valfresca a senso unico  I vigili bloccano i furbetti
I cartelli posizionati in via Bixio

Valfresca a senso unico

I vigili bloccano i furbetti

Via Per San Fermo chiusa al traffico da 18 giorni a causa di una frana. In vigore le nuove disposizioni anche in via Cardano

«Ma abito solo due curve più in su, non posso salire?». «No, signora, c’è il senso unico». «E la multa quant’è, se passo lo stesso?». Questo è solo uno dei tanti dialoghi ascoltati ieri in Valfresca, dove è scattato il senso unico da San Fermo in direzione Como con la sola eccezione nel tratto tra via Bixio e il civico 29.

La modifica viabilistica è stata predisposta dal Comune, con annesso limite di velocità a 30 chilometri orari, per cercare di ridurre i disagi derivanti dalla chiusura di via Per San Fermo a causa di frana da un terreno privato avvenuta ormai 18 giorni fa, in attesa di una prima messa in sicurezza che potrebbe portare nell’arco di un paio di settimane, alla riapertura almeno parziale della Garibaldina. Il senso unico è scattato ieri mattina alle 8, ma in molti hanno cercato comunque di passare lo stesso. Una pattuglia di vigili è stata fino al primo pomeriggio all’intersezione con via Bixio mentre una squadra del settore Reti nel corso della mattinata era all’altezza del civico 29 per testare la segnaletica che è stata successivamente potenziata. Più tardi gli agenti, che si sono sorbiti decine di lamentele con altrettante richieste di riapertura di via Per San Fermo in tempi rapidi, si sono piazzati proprio nel punto in cui scatta il senso unico, rimandando indietro i furbetti. In questi primi giorni ci sarà tolleranza, ma poi per chi non rispetterà il divieto scatteranno anche le multe.

Da ieri nuove in misure anche in via Cardano, dove nei tre punti più stretti sono stati collocati i cartelli che indicano che la precedenza spetta a chi va in direzione San Fermo, ma non vengono rispettati. Come non viene rispettato il limite di 30 chilometri orari con suv e in qualche caso anche furgoncini (il limite è stato abbassato a pieno carico a 3,5 tonnellate) che sfrecciano sulla strada costringendo chi (in teoria) avrebbe la precedenza a fare retromarcia per evitare incidenti o ingorghi. «È stata potenziata anche la segnaletica - ha spiegato l’assessore a Sicurezza e Polizia locale Elena Negretti - e in questi primi giorni si cercherà di informare, poi però non ci saranno scusanti. Parliamo di modifiche prese non a cuor leggero, ma con l’obiettivo di ridurre i disagi che, siamo consapevoli, ci sono. Le regole però ci sono e vanno rispettate. Valuteremo gli effetti e vedremo se saranno necessari correttivi». Sul fronte via Per San Fermo l’assessore incontrerà nuovamente la proprietà del terreno franato per avere certezze su tempi e modalità di intervento.


© RIPRODUZIONE RISERVATA