Venerdì 01 Ottobre 2010

Tec.Art.Eco, trema di luce 
la Torre Gattoni di Como

COMO - Il festival Tec.Art.Eco. 01 - Germinazioni si sta rivelando una bellissima sorpresa per tutta la città. Una scommessa vinta visto che proporre situazioni di avanguardia artistica non è mai semplice.
Eppure la manifestazione sta ottenendo consensi: tanta gente per l'inaugurazione delle due installazioni al museo Giovio e per la personale di Eduardo Kac a San Pietro in Atrio, un pubblico sbigottito, ma divertito di fronte alla performance Re-cross che, giovedì pomeriggio, ha animato piazza San Fedele grazie a un gruppo di danzatori che si sono esibiti in una coreografia di Ariella Vidach provocando, in più di un senso, i passanti.
C'è attenzione anche per le proposte più estreme come il connubio di musica elettronica e immagini trattate al Conservatorio, un matrimonio tra Otolab e Sincronie.
Assolutamente affascinante e da non perdere, quella di stasera è l'ultima, la “riflessione sulle sorgenti audiovisuali” di Alessandro Perini Click for details all'interno della Torre Gattoni.
Un punto della città sconosciuto ai più, già gabinetto scientifico di uno che di elettricità se ne intendeva e come: Alessandro Volta. Poi centrale dismessa alla fine degli anni Settanta e da allora chiusa.
Entrarci per assistere a una serie di scosse ritmiche che illuminano a sprazzi i resti di questo affascinante reperto industriale è un'esperienza davvero unica. Domani, tra gli appuntamenti, si segnala un'altra poliedrica performance all'ex spazio grossisti. Molto suggestive anche le misteriose meteoriti che segnano le location che ospitano Tec.Art.Eco. Collegamenti al festival sulla tv della rassegna www.livestream.com/tecartecotv
Alessio Brunialti

c.colmegna

© riproduzione riservata