Domenica 03 Luglio 2011

Anna Cappellini, pattinatrice
a fianco della Kostner

COMO - Sarà presente anche lei, al fianco dell'étoile Carolina Kostner, la comasca Anna Cappellini; stiamo parlando di Opera on Ice, lo spettacolo di pattinaggio su ghiaccio che avrà luogo il primo ottobre all'Arena di Verona e che vedrà pattinatori interpretare le arie delle sei opere in programma nel teatro all'aperto conosciuto in tutto il mondo. Anna Cappellini, classe 1987, ha già pattinato con la star nei campionati italiani; in coppia con Luca Lanotte dal 2005 ha ottenuto risultati di un certo peso, a partire dall'oro all'Universiade di Torino nel 2007. Per presentare l'evento, i pattinatori sono stati invitati sulla nave Voyager of the Seas. Lei stessa, Anna Cappellini, si è detta entusiasta di questa esperienza.
Un assaggio dello spettacolo su una nave meravigliosa...
Davvero. In realtà già nel 2007 eravamo stati invitati ad un evento simile. Per capire il lusso di questa nave da crociera, basta pensare che c'è una pista di pattinaggio e una parete per fare l'arrampicata. È davvero meravigliosa e grandissima. C'è anche un campo da golf. Al porto di Venezia le altre navi sfiguravano.
C'era anche Carolina Kostner; che effetto fa pattinare con lei?
Io Carolina la conosco da quando eravamo piccole; l'ho sempre incrociata nelle competizioni nazionali. Ma comunque è sempre un onore.
Come è andata la presentazione?
Bene, bene. È stata magica: abbiamo realizzato un video e abbiamo pattinato con i giornalisti, insegnando loro qualche passo.
Ed era solo un'anteprima... chissà quanto sarà emozionante l'evento.
L'evento, appunto. Siamo tutti curiosi; è un abbinamento insolito.
In effetti lo è. Sono sicura che questo spettacolo sarà meraviglioso. Prima di tutto l'Arena di Verona è un luogo stupendo. E poi le musiche sono davvero emozionanti. Insomma, i classici hanno un valore unico, altrimenti non staremmo ancora a sentirli. Pattinare sulla Traviata un certo effetto lo fa; è uno straordinario veicolo per trasmettere le emozioni.
Le emozioni sono fondamentali nel vostro lavoro...
Senza dubbio. E queste musiche ci aiutano molto. Grazie all'opera lirica noi diventiamo solo un veicolo. L'opera ha proprio questa caratteristica, di riempire la sala, in questo caso l'arena, di emozionare il pubblico, emozionare noi. Tutto viene più facile. Possiamo interpretare le storie quasi senza sforzo. Per non parlare dell'eleganza di questa musica...
Laura di Corcia

c.colmegna

© riproduzione riservata