Martedì 12 Luglio 2011

Shakespeare al Sociale
coi ballerini della Scala

COMO - (m. ter.) Domani sera, alle 21,30, in teatro Sociale (anzichè a Villa Olmo, causa infauste previsioni atmosferiche) andrà in scena per il festival Como città della musica lo spettacolo Sogno di una notte di mezza estate, coreografia data 1962 di G. Balanchine, musica di F. Mendelssohn - Bartholdy.
Protagonista il Corpo di Ballo del Teatro alla Scala che con questo programma, ormai in repertorio, ha compiuto numerose tournèe in molti paesi. L'azione è tratta dall'omonima commedia di Shakespeare e narra avventure e disavventure di un grupppo di mortali e immortali, rimanendo sempre a mezzo tra sogno e realtà: un'alternarsi di complicazioni amorose, litigi, inseguimenti e trucchi magici che si concludono con il lieto fine delle nozze tra i personaggi principali, Oberon e Titania.
Il successo dello spettacolo, è merito della sapienza e genialità del coreografo russo-americano George Balanchine (anche autore del canovaccio teatrale) che ha concepito l'azione in due parti: la prima narrativa, la seconda come lungo"divertissment" nella più pura tecnica balanchiniana fatta di rigore e perfezione geometrica del gesto. L'allestimento, curato da Luisa Spinatelli per la produzione scaligera (che detiene i"diritti" del Sogno in esclusiva europea), dal 2003 ha dato nuova freschezza a questo balletto in cui il Corpo di Ballo della Scala si fa apprezzare sia per la tecnica che le capacità teatrali e interpretative.

c.colmegna

© riproduzione riservata