Coronavirus, la rabbia dei medici
«Non siamo pronti alla nuova ondata»

Petizione sottoscritta da 67 dottori di base: «Preoccupati per gli scenari futuri, subito provvedimenti

Coronavirus, la rabbia dei medici «Non siamo pronti alla nuova ondata»
I medici di base del Comasco chiedono più supporto in vista del pericolo di una nuova ondata dell’epidemia

I medici comaschi sono pronti alla protesta. Chiedono una ricetta davvero elettronica, il vaccino antinfluenzale consegnato per tempo, indicazioni chiare per la gestione delle prime febbri e una scorta di protezioni contro il Covid. In città e in provincia 67 medici di medicina generale, pediatri e guardie mediche hanno sottoscritto un’incisiva petizione e chiedono di essere messi nelle condizioni di affrontare la (probabile) nuova ondata di Covid adeguatamente attrezzati e organizzati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

{# #}