Più ascolto e condivisione: si fa largo nelle aziende una leadership “gentile”

La svolta Con il Covid si è affermato un nuovo approccio imprenditoriale. In passato si diceva ai collaboratori cosa fare, oggi prevale il confronto

Più ascolto e condivisione: si fa largo nelle aziende una leadership “gentile”

Capace di ascoltare, attento alle esigenze dei singoli e del gruppo, motivatore, più simile ad un coach che ad un capo: sono alcune delle caratteristiche del leader aziendale “gentile” o “affettivo”.

Un approccio imprenditoriale sempre più diffuso ed oggetto di numerose analisi. Secondo gli esperti, infatti, la pandemia ha accelerato (come avvenuto in molti ambiti) un processo che era già in corso: non è più solo il collaboratore a adattarsi all’azienda in cui lavora, ma è anche la stessa impresa, attraverso il suo leader, ad andare incontro alle esigenze dei dipendenti.

L’obiettivo

L’obiettivo è duplice: da un lato non perdere risorse preziose in un periodo storico caratterizzato da una sempre maggiore difficoltà nel reperimento di personale specializzato; dall’altro lato ottenere risultati migliori attraverso una valorizzazione dei talenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA