Coronavirus, le imprese  Raccolta fondi per gli ospedali  lanciata da Confindustria
Emanuele Bani, titolare della farmacia Bani di via Cesare Cantù a Como

Coronavirus, le imprese

Raccolta fondi per gli ospedali

lanciata da Confindustria

Progetto condiviso con Lecco e Sondrio. Primo passo comasco: 100mila euro alle strutture lariane. Il presidente Manoukian: «È il momento della coesione»

Insieme per gli ospedali comaschi. Porta il nome del progetto lanciato insieme dal presidente comasco Aram Manoukian e dal presidente di Lecco-Sondrio Lorenzo Riva dal palco dell’assemblea congiunta dello scorso novembre, la sottoscrizione deliberata con carattere di urgenza dai Consigli di Presidenza di Confindustria Como e di Confindustria Lecco e Sondrio e diventa una raccolta fondi aperta a tutte le imprese dei tre territori.

«A novembre abbiamo condiviso con i colleghi di Lecco e Sondrio “Io ci sarò! Prendiamoci cura del nostro futuro, insieme” con l’obiettivo di sollecitare gli imprenditori – spiega Manoukian – ad intraprendere un programma di iniziative molto stimolanti e strategiche per dare continuità, prospettiva, futuro alle nostre imprese. Un progetto che avremmo lanciato operativamente proprio questa primavera. Di fronte all’emergenza coronavirus che sta sconvolgendo le nostre esistenze – prosegue Manoukian – con grande responsabilità e alleanza, abbiamo dovuto cambiare i programmi, le priorità, mettendo al primo posto le parole solidarietà, coesione sociale, aprendo una sottoscrizione per una raccolta fondi a favore dei nostri ospedali per salvare vite umane. E, insieme ai colleghi di Lecco e Sondrio abbiamo deciso di denominare la sottoscrizione con lo stesso titolo del progetto comune: “Io ci sarò! Prendiamoci cura del nostro futuro, insieme. Emergenza Coronavirus”».

Nel contempo il consiglio di presidenza di Confindustria Como ha deciso di fermare le celebrazioni dei cento anni, devolvendo a favore degli ospedali comaschi l’importo del fondo previsto per le celebrazioni per una somma pari a 100 mila euro. Si tratta del primo versamento a cui potranno unirsi i contributi delle aziende della provincia di Como utilizzando il sistema del bonifico, a scelta su uno dei conti intestati a Fondazione Provinciale della Comunità Comasca onlus con causale Fondo Io ci sarò. Ecco gli estremi: IBAN IT 96 U084 3010 9000 00000260290 BCC Cassa Rurale ed Artigiana di Cantù; IBAN IT 73V0 8618 51410 0000 0000 8373 BCC di Lezzeno; IBAN IT61 B083 2910 9000 0000 030 0153 BCC Brianza e Laghi; IBAN IT14X0306909606100000128233 INTESA SANPAOLO. È possibile donare anche tramite carta di credito attraverso la finestra dedicata sul sito della Fondazione Provinciale della Comunità Comasca.

«Mai avremmo immaginato di dover fronteggiare questa nuova minaccia – conclude il presidente di Confindustria Como, Aram Manoukian - che non solo spaventa per le sue conseguenze sulla salute e sulla vita della collettività, compresa la nostra, ma inevitabilmente procura ansia, paura ed inquietudine all’economia del territorio insieme alle nostre imprese con tutti i collaboratori e le loro famiglie. Una comunità che, per il nostro territorio di Como, Lecco e Sondrio, è rappresentata da più di 100.000 persone. Per questo, mi rivolgo a tutti gli imprenditori e cittadini, dobbiamo fare presto, molto presto ed essere soprattutto uniti».n 
E. Mar.


© RIPRODUZIONE RISERVATA