Comunali, centrodestra unito a Erba        Ma Airoldi vuole garanzie sulla squadra
La riunione degli esponenti di centrodestra ieri nella sede della Lega in via Plinio (Foto by Bartesaghi)

Comunali, centrodestra unito a Erba

Ma Airoldi vuole garanzie sulla squadra

Volti soddisfatti per l’incontro di ieri tra partiti e liste civiche nella sede leghista. Zoffili: «Giornata storica e per il nuovo vertice del 5 febbraio conto sulla risposta del sindaco»

Se il buon giorno si vede dal mattino, ci sono ottime probabilità che alle elezioni di primavera il centrodestra si presenti unito con Lega, Fratelli d’Italia, Forza Italia e una galassia di forze civiche.

Con quale candidato sindaco, è tutto da vedere: la Lega, che conta su un secondo mandato di Veronica Airoldi, attende una risposta dal primo cittadino in carica entro i primi giorni di febbraio.

L’atteso tavolo delle forze di centrodestra si è tenuto ieri mattina nella sede del Carroccio in via Plinio. Obiettivo: ricucire lo strappo di cinque anni fa.

E riportare nella stessa squadra i gruppi dell’attuale maggioranza (Lega, Forza Italia, Il Buonsenso, Per Erba), quelli di minoranza (Fratelli d’Italia, Erba prima di tutto) e quelli che neanche siedono in consiglio comunale (Noi di Erba, Orgoglio Erbese, Partito degli Europei e Liberali).All’uscita, dopo un’ora e mezza di riunione, i volti erano distesi. «Il 22 gennaio è una giornata storica per la politica erbese - ha detto il leghista Eugenio Zoffili, primo promotore del tavolo - perché abbiamo posto le basi per riportare tutte le forze di centrodestra dalla stessa parte, a lavorare per il bene della città».

Al tavolo, continua Zoffili, «si è deciso di ritrovarci periodicamente per definire il programma per singoli temi: il prossimo incontro sarà il 5 febbraio».

Soddisfazione anche da parte di Fratelli d’Italia: «L’incontro è stato molto positivo - ha detto Claudio Ghislanzoni - i presupposti sono molto buoni. Da parte nostra non c’è alcuna preclusione, su nessun tema e nessun nome».

E qui entra in gioco la questione del candidato sindaco. L’unico a parlarne è ancora Zoffili: «Io ho detto che per noi sarebbe naturale una ricandidatura di Veronica Airoldi. Nei prossimi giorni parlerò con il primo cittadino per sondare la sua disponibilità». Si aspetta una risposta definitiva entro il 5 febbraio, giorno del prossimo incontro? «Me la aspetto - dice il leghista - abbiamo di fronte altre due settimane».

Anche per i rappresentanti di Forza Italia, Il Buonsenso e Per Erba la riunione è stata positiva, lo stesso si può dire per le altre forze. Massima disponibilità a costruire un programma insieme, «a patto che si mettano da parte tutti i personalismi che avevano portato alla lite del 2017» chiosa Giorgio Meroni, capo della civica Per Erba.

Trovare la quadra sul programma non sarà difficile. Il tema vero è quello del candidato sindaco. A

l termine della riunione “La Provincia” ha telefonato ad Airoldi, che si è tenuta ben lontana dal tavolo politico. «Che si vada verso la riunione del centrodestra mi pare scontato e nella logica delle cose - dice - e questo l’ho sempre detto, non cambia niente rispetto alla mia posizione».

Con i partiti di maggioranza, ricorda Airoldi, «ho già parlato facendo presente una serie di questioni. Ora attendo di capire dai promotori del tavolo come sarà la futura squadra, per poter fare valutazioni con tutti i protagonisti».

Le richieste dell’attuale sindaco - avere una squadra affiatata e fidata in giunta, governare senza liti politiche - non cambiano: certo con una squadra molto allargata sarà più difficile dare tutte le garanzie del caso.
Luca Meneghel


© RIPRODUZIONE RISERVATA