Elezioni, conferme per Molteni e Zoffili

Politica Il sottosegretario nell’uninominale alla Camera mentre il deputato erbese primo nel proporzionale. Senato: Ronzulli (FI) a Como, Butti va nel plurinominale

Elezioni, conferme per Molteni e Zoffili
La preparazione delle schede cinque anni fa

Dopo domani scadono i termini per la presentazione delle liste per le elezioni politiche di domenica 27 settembre e anche dal centrodestra arrivano le prime certezze. La Lega riconferma il sottosegretario all’Interno Nicola Molteni che sarà candidato nel collegio uninominale alla Camera di Como (nel 2018 lo era stato in quello di Cantù che, però, non esiste più).

Il centrodestra

Il deputato erbese Eugenio Zoffilicapolista alla Camera nel plurinominale (include oltre a Como anche Lecco, Sondrio e alcuni Comuni della Bergamasca), mentre Alessandra Locatelli dovrebbe rimanere in Regione salvo colpi di coda delle ultime ore. Restando tra i lumbard il collegio uninominale Lombardia 2 (Valtellina - Alto lago - Sondrio) andrà al ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti. Sarà candidato anche Umberto Bossi, eletto cinque anni fa al Senato nella circoscrizione che comprende anche Como e per il quale stavolta potrebbe esserci un seggio alla Camera nella”sua” Varese.

Tornando ai locali il posto all’uninominale del Senato andrà molto probabilmente a Licia Ronzulli (Forza Italia) che cinque anni fa venne eletta nel collegio di Cantù.

Per Alessio Butti, deputato uscente eletto a Lecco, si profila un posto da capolista al Senato (per lui sarebbe un ritorno) nel plurinominale con certezza di elezione già da ora. Alla Camera per Fratelli d’Italia in pole position c’è il segretario provinciale Stefano Molinari, che potrebbe avere il posto da capolista per Montecitorio e, in quel caso, anche per lui elezione matematica.

Ad ogni modo le liste sono in fase di chiusura e saranno depositate tra domani e lunedì e poi sarà solo campagna elettorale.

In casa Pd è già stata ufficializzata nei giorni scorsi la riconferma di Chiara Braga, capolista nel proporzionale per la Camera e, quindi, con in tasca il biglietto per tornare a Roma.

© RIPRODUZIONE RISERVATA