Como: vaccini ai medici,  l’adesione non decolla  Ospedali fermi al 72%
L’arrivo di una fornitura di vaccini all’ospedale Sant’Anna

Como: vaccini ai medici,

l’adesione non decolla

Ospedali fermi al 72%

Il via con la somministrazione ai primi 85 camici bianchi della provincia. L’appello: «È il passo necessario per uscire dal tunnel»

Fare il vaccino è un dovere, così hanno risposto i primi 85 medici comaschi che ieri hanno effettuato la vaccinazione.

È partita la campagna vaccinale tra medici di famiglia e pediatri, l’obiettivo è coprire tutti i circa 400 camici bianchi dell’ambito di Como entro pochi giorni. L’adesione iniziale però è bassa, al 65%.

«Nella vita, in particolare da medico, serve il coraggio di fare delle scelte – dice la pediatra Roberta Marzorati –. E questa mi sembra una scelta da fare subito. È importante per noi e per le persone con cui siamo a contatto, che amiamo e curiamo ed anche per rispetto di chi è in coda e di chi sta male. C’è chi preferisce attendere questo o quel vaccino, ma insomma io l’ho fatto il più presto possibile per essere il prima possibile utile alla popolazione. Assicuro che non fa male, al massimo un po’ di bruciore al braccio».

© RIPRODUZIONE RISERVATA